Salta al contenuto Skip to sidebar Passa al footer

Come reagiscono le api ai cambiamenti climatici?

Insieme ai predatori, ai parassiti e ai pesticidi, sono i cambiamenti climatici a minacciare la sopravvivenza degli impollinatori ed in particolar modo delle api. Soltanto negli ultimi 5 anni sono scomparsi nel mondo circa 2 milioni di alveari per anno, di cui almeno 200.000 nella nostra penisola. La variazione delle temperature, insieme ad altre problematiche, stanno mettendo a rischio il patrimonio apistico mondiale nonché la nostra sicurezza alimentare. Dalle api, infatti, dipende circa il 70% della produzione agricola mondiale.

È scientificamente acquisito che il sistema climatico subisca, nel corso della storia, cambiamenti evidenti di tipo naturale. Negli ultimi 50 anni le temperature si stanno innalzando in maniera anomala a causa dell’attività umana con picchi da record registrati nell’ultimo decennio. L’appena concluso 2020 è stato uno dei tre anni più caldi mai registrati nella storia, come si evince dai dati che emergono dagli ultimi monitoraggi del Copernicus Climate Change Service.

L’aumento delle temperature, in primis, costringe le api a migrare verso ambienti con un clima più ospitale per loro. Una grave minaccia è rappresentata dallo stravolgimento delle stagioni con le fioriture anticipate quando le api sono ancora in letargo e la mancanza di nettare e polline quando le api dovrebbero, invece, nutrirsi. Per lo svolgimento del loro ciclo biologico, le api raccolgono tre elementi: acqua, nettare e polline. La mancanza di uno o più di questi elementi può portare ad una diminuzione della popolosità delle colonie, a una minor longevità delle api e ad una maggior sensibilità nei confronti delle malattie e dei parassiti dell’alveare. Questi fenomeni sono particolarmente accentuati nell’emisfero nord a causa di una maggiore incidenza dell’inquinamento.

Nonostante ognuno di noi, almeno una volta, abbia sentito parlare di cambiamenti climatici, questi continuano ad essere avvertiti come lontani e non appartenenti alla nostra vita quotidiana. La riduzione significativa degli impollinatori e delle api dimostra come l’aumento delle temperature sia oggi una problematica più vicina che mai. Occorre agire in modo tempestivo a tutela delle api, dell’ambiente e di noi stessi.

Lascia il tuo commento

Best Choice for Creatives

This Pop-up Is Included in the Theme

Purchase Now